Asia Centrale Interviste Uzbekistan

Interviste, Dmitriy Popov allenatore e giornalista uzbeko

Abbiamo intervistato Dmitriy, insegnante, allenatore, giornalista e mental coach uzbeko. Insomma è un tuttofare! Il gentilissimo Dmitriy ci ha spiegato molte cose del calcio uzbeko: come mai il Pakhtakor domina, cosa c’è dietro all’ascesa dell’AGMK, il livello delle competizioni AFC e della nazionale uzbeka.
Insomma, un po’ di tutto! Chissà che in futuro non si riesca a parlare anche di altri argomenti che non abbiamo trattato… se avete ulteriori domande, chiedete! Ed ovviamente fateci sapere che ne pensate.

1) Ciao Dmitriy, grazie per aver accettato. Volevamo chiederti di presentarti e raccontarci brevemente della tua vita professionale, sia da giornalista che da allenatore.
Attualmente sto lavorando come allenatore all’Accademia del Bunyodkor. Insegno russo e teoria del calcio in russo. Ho lavorato in questo ambito per molti anni, prima in quello maschile, poi per ben 14 anni nel calcio femminile. Grazie ai miei studi sono psicologo, insegnante, mental coach ed allenatore di calcio. Non sono un giornalista di professione, questo è solamente un hobby. Scrivo sui media da molto tempo, ma parlo solo di calcio e nulla di più.

2) Domanda un po’ scomoda: in passato il Bunyodkor era famoso in Europa per essere la squadra della Karimova, figlia del vostro vecchio presidente Karimov. Lei aveva investito molti soldi ed aveva portato in Uzbekistan gente come Scolari e Rivaldo. Di chi è ora la squadra? Cosa ne pensi di quel periodo?
Ora il Bunyodkor non è riconducibile ad una persona specifica, ma appartiene alla grande holding statale dell’Uzbekneftegaz, che si occupa di industria petrolifera e del gas in Uzbekistan. Questa possiede diversi altri club di calcio in Uzbekistan attraverso filiali e uffici.

Rivaldo ai tempi del Bunyodkor

3) La Pro League sta migliorando? Com’è il livello medio rispetto ad altri paesi asiatici? Le squadre uzbeke faticano un po’ nelle coppe continentali. Come le paragoneresti rispetto alle squadre UEFA?
Il livello del campionato Uzbeko è grossomodo nella Top 10 dell’AFC. In termini di sviluppo del club, siamo decisamente inferiori a Giappone, Corea del Sud, Australia e Iran. Cina e Thailandia ma anche Emirati Arabi, Qatar ed Arabia Saudita sono messi un po’ meglio di noi. I club arabi sono molto ricchi ed hanno diversi stranieri di ottimo livello che arrivano dalla zona UEFA e dal Sud America.
I campionati europei sono in media più forti di quelli asiatici. I club asiatici più forti possono competere con alcune squadre dell’Europa centrale, ma nulla di più. Siamo però più forti dei piccoli paesi europei, questo è certo. Ad esempio, le nostre squadre vincono contro quelle baltiche.
In termini di livello di gioco, la UEFA Champions League è più forte della AFC Champions League. E la nostra AFC Cup è molto più debole dell’Europa League perché solo i paesi asiatici più piccoli e deboli la giocano.

4) Il Pakhtakor, allenato da Arveladze, ha investito molto ed è arrivato ai quarti di finale della Champions League asiatica. Continuerà a migliorare ed investire nelle prossime stagioni?
La prestazione del Pakhtakor in AFC Champions League non dipende da Arveladze. Al suo posto, qualsiasi buon allenatore avrebbe ottenuto questo risultato. Il Pakhtakor oggi è il club più ricco non solo del paese ma anche di molti club asiatici forti. Arveladze non aveva praticamente restrizioni sulla scelta della rosa, ha fatto buoni acquisti, rafforzando la rosa grazie alle sue elevate possibilità finanziarie. Non esiste un club così ricco in Uzbekistan, i cotonieri non hanno rivali. Bisogna dire che per molto tempo questa squadra non ha avuto possibilità di avanzare nella AFC Champions League, perchè troppo debole. Ecco perché abbiamo perso, qualcuno non sopportava la tensione ed ha commesso degli errori. Auguro loro ogni successo il prossimo anno.

Shota Arveladze sulla panchina del Pakhtakor Tashkent.

5) L’AGMK nelle ultime annate sta facendo molto bene, come mai? Al contrario il Lokomotiv Tashkent sta perdendo colpi, c’è un motivo?
L’AGMK ha la stessa proprietà del Pakhtakor. Il valore finanziario è tuttavia leggermente inferiore, ma nonostante ciò l’AGMK ha grandi capacità finanziarie, un allenatore molto forte che conosce davvero il calcio uzbeko ed ottimi giocatori. L’allenatore è Mirjalol Kasymov, ex calciatore famoso nei paesi post-sovietici ed in Asia (EAU). Kasymov ha una buona squadra ed ottime risorse finanziarie. Quindi ottiene ottimi risultati.
La situazione finanziaria del Lokomotiv è peggiore di prima. Diversi giocatori hanno lasciato il club. Quando avevano elevate capacità finanziarie, hanno vinto per tre anni consecutivi il campionato, ma ora che hanno meno soldi sono lentamente calati fino alla metà classifica di quest’anno.
Ciò significa che in Uzbekistan, come in molti altri paesi, la forza del club è direttamente proporzionale alla forza finanziaria. I club sono di proprietà di grandi aziende statali tranne poche eccezioni. Ci sono infatti alcune proprietà private.
Di quelli privati, un esempio è il Pakhtakor che è ufficialmente di proprietà di B. Shodiev. Ma tutti sanno che i soldi sono stati dati da A. Usmanov, un miliardario e uomo d’affari russo originario dell’Uzbekistan.

6) Ti piacerebbe vedere l’Uzbekistan nell’UEFA? O è meglio nell’AFC?
L’Uzbekistan è al suo posto: nell’AFC.

7) Vedremo presto la nazionale al mondiale? Secondo te un giorno vincerete la Coppa d’Asia?
Possiamo andare al Mondiale se ci liberiamo di qualche problema nel nostro calcio. La Federcalcio uzbeka ha molte responsabilità su questo, potrebbe lavorare meglio.
Ci sono giovani calciatori forti, ma purtroppo non sempre riescono pienamente ad esprimere il loro talento.
Il nuovo allenatore della nazionale uzbeka sta cercando di risolvere molti problemi. Lui è Vadim Abramov ed è l’allenatore di maggior successo di tutti i tempi nella squadra nazionale dell’Uzbekistan: nella Coppa D’Asia del 2011, la squadra nazionale ha ottenuto il 4 ° posto nella Coppa d’Asia sotto la sua guida. Abramov ha un’esperienza pluridecennale(allena addirittura dagli anni ’80) che sono certo aiuterà la nazionale a rendere meglio ed a migliorare i giocatori sotto ogni aspetto.
Un risultato storico per la nazionale fu anche quello del 1994, quando vincemmo i Giochi asiatici.

Vadim Abramov, allenatore dell’Uzbekistan

8) Come è percepito il calcio italiano in Uzbekistan?
Stimiamo molto il calcio italiano. È tra i migliori 5 campionati UEFA e la nazionale è sempre una squadra forte. Ho visto tanti mondiali, l’Italia è sempre una delle favorite. Personalmente ho grande rispetto per il portiere Buffon, che gioca ancora, Totti e Roberto Baggio.

Matteo Baltico
Amo il calcio e tutto ciò che concerne l'Est Europa, tanto che ho deciso di fondare questa pagina nel luglio del 2018. Amo parlare di questo tipo di calcio, ma adoro questo magnifico sport senza nè limiti e confini spaziando dal Laos sino a Cuba. Fin qua nulla di speciale, ma quanta gente conoscete che guarda il campionato kirghizo e tagiko? Ecco, ne avete trovato uno...
https://www.facebook.com/matteo.baltico.5?ref=bookmarks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *