Bielorussia Interviste Russia

In giro tra i catini dell’Est: la storia di Ivan, groundhopper russo

English version at the end.

Molti di noi amano visitare stadi e strutture sportive in ogni città che visitiamo. In pochi però si spingono ad andare di nazione in nazione entrando in centinaia di impianti diversi. Specialmente nel grande Est! Ivan si definisce un groundhopper, ovvero una persona che fa di questo turismo uan passione, e ci ha raccontato la sua esperienza.

Sei un groundhopper. Come è nata questa passione? Quando hai cominciato?
La storia è iniziata nel lontano 2008 da minorenne. Il BATE raggiunse la fase a gironi di Champions League per la prima volta nella sua storia, e il gruppo era stupendo. Ho assistito all’esordio casalingo contro la Juventus all’affollato Dynamo Stadium di Minsk. A quel tempo non sapevo nulla di groundhopping, nemmeno questa parola, ma conteggio le partite da quel momento.

La prima partita da “groundhopper consapevole” è stata nel febbraio 2016. Siamo andati a Tver con un collega per la classica invernale dell’hockey. E poi ho iniziato a girare. La passione per visitare gli stadi è apparsa poco alla volta.
In precedenza, ero un ultras della Lokomotiv Mosca e seguivo la squadra in trasferta, mi piaceva viaggiare per il Paese. Mi è sempre piaciuto comunicare con i tifosi locali, scoprire la loro storia, come vivono, attraversare diversi stadi della città e trovare informazioni su di essi. Il Lokomotiv gioca in Prem’er Liga e ci sono molti club che non possiamo incontrare nei campionati minori. Queste squadre hanno però tifosi, con cui sono interessato a incontrare e comunicare. Ci sono stadi fantastici. Così ho iniziato ad andare alle partite senza seguire la Lokomotiv.

Quanti paesi hai visitato in questi anni? Quante partite di calcio hai visto?
Non molto tempo fa, ho raggiunto il numero di 100 partite visitate da groundhopper. Tuttavia, questa cifra è molto relativa. Sai, in questo hobby, ognuno sceglie le proprie regole per se stesso. Qualcuno conta gli stadi visitati per il proprio club, qualcuno no, ci sono anche le partite della nazionale. Altri pensano che la partite di hockey contino, mentre altri lo chiamano icehopping. Nel nostro paese a volte è impossibile visitare lo stadio, dipende dai casi. In ogni caso secondo le mie regole da groundhopper sono a quota 104 stadi.
Non ho visitato molti paesi, ma per ora sono stato in 11 e sono questi: Repubblica Ceca, Israele, Polonia, Italia, Ucraina, Germania, Moldova, Estonia, Lituania, Lettonia e Slovacchia.

Qual è la partita migliore che tu abbia mai visto dal vivo?
Penso che in termini di spettatori presenti sia stata un Milan – Lecce a San Siro con 48.703 spettatori. Non ricordo bene la partita in sé, perché preferisco guardare gli spalti rispetto a quello che succede in campo. Con mio grande dispiacere, c’è stata una protesta da parte dei tifosi rossoneri, quindi durante la partita questi sono stati in silenzio anzichè tifare a gran voce.

Qual è il miglior stadio che hai visitato? Ed il peggiore?
Ogni stadio ha qualcosa di buono, ma se mi chiedi di dirne uno, ti nomino il FOP “Izmailovo”, uno stadio nella zona est di Mosca. Iniziò a essere costruito negli anni ’30 e doveva diventare più grande dell’Olympiastadion di Berlino, ma la seconda guerra mondiale cambiò i piani iniziali. Fu completato solo 30 anni dopo con un piano semplificato ma comunque stupendo secondo me. Il campo, attorno, è decorato con cannoni d’artiglieria, al centro della tribuna un aereo, sotto il quale si trova l’ingresso al museo-bunker di Stalin. Qui ci gioca una squadra di quarta serie chiamata SportAkadem Club. A proposito, io produco birra e questo stadio è raffigurato sull’etichetta di una bottiglia di birra.
Non sarò sicuramente in grado di individuare il peggior stadio. Ti posso però dire che non mi piacciono gli stadi senza tribune e neanche quelli con dei campi secondari vicini.

Raccontaci alcune particolarità sulle partite di calcio bielorusse e russe e anche sugli stadi.
La più grande caratteristica del calcio in Russia e Bielorussia è la mancanza di una cultura calcistica. Questo è il problema più grande. Con l’eccezione di grandi squadre come Spartak, Zenit, Lokomotiv, CSKA, gli spalti sono semivuoti, il che in linea di principio è giustificato. Vi sono pochi servizi essenziali come punti ristoro, servizi igienici e questo genere di comodità. Oltre a questo, i poliziotti, in alcune città, grazie al loro atteggiamento nei tuoi confronti, ti fan pensare di essere un criminale e non uno spettatore allo stadio. Quindi le persone scelgono di guardare il calcio a casa in TV e di non soffrire 90 minuti allo stadio.

Sei stato anche in Italia. Hai guardato una partita di calcio? Cosa ne pensi del nostro Paese?
Sono stato in Italia due volte. Durante la nostra prima visita abbiamo fatto un viaggio di rotta da nord a sud: Venezia-Bologna-Firenze-Roma-Napoli-Pisa-Genova-Milano. Inizialmente avevo in programma di guardare due partite, una nei campionati minori e Napoli – Lazio. Con il primo match non ci sono stati problemi ed abbiamo assistito alla partita Puteolana – Frattese, conclusasi con la vittoria dei padroni di casa. Napoli – Lazio non l’ho vista invece perchè era ad alto rischio ed i biglietti erano venduti solo su passaporti con un permesso di soggiorno locale. Mi sono dovuto accontentare dell’atmosfera pre-partita allo stadio.
La seconda volta sono andato in Italia per sostenere la Lokomotiv nella trasferta contro la Juventus.. Anche in quella trasferta abbiamo visitato Como, assistendo alla partita della squadra locale contro il Pontedera allo Stadio Garibaldi. Inoltre, abbiamo visto la partita già citata a Milano.

L’opinione che ho sul vostro paese è molto contraddittoria. Da un lato, ci sono molti luoghi meravigliosi, sia naturali che architettonici. Siete Persone meravigliose e comprensive con le quali ho comunicato durante il mio viaggio e con cui parlo ancora oggi. Puoi sentire la varietà di città mentre ti sposti da nord a sud. Ma d’altra parte, il paese è molto sporco, ci sono molti graffiti inappropriati e terribili cumuli di spazzatura. Ci sono tanti profughi e di sera non ti fanno sentire al sicuro. C’è inoltre un alto tasso di criminalità, ricordo che siamo partiti a mezzanotte da Napoli a Pisa in autobus ed era piuttosto inquietante essere nella zona della stazione in questo momento.

Quali sono i tuoi progetti futuri sulla tua attività di groundhopper? E quali sono le cose migliori che hai fatto fino a questo momento?
Da due anni ho un canale youtube per le partite a cui ho assistito come parte della community di groundhopping. Ogni video riguarda la città, la squadra e i tifosi del luogo in cui mi trovo. Fare questo mi piace tantissimo, quindi non mi fermerò! A causa della pandemia siamo rimasti a lungo a casa, in questo momento ho deciso di produrre birra da casa e da poco ho messo in vendita la mia prima birra. Vado a lavorare in questa direzione, per espandere la produzione, e chissà magari un giorno potrete bervi la birra del birrificio di Ivan Romantik in Italia!

Ecco i link alle pagine Youtube ed Instagram di Ivan.
Youtube: https://bit.ly/3bfCsC0
Instagram: https://instagram.com/v_romantika_

ENGLISH VERSION

You are a groundhopper. How did this passion start? When did it start?
The story began in the distant 2008. Then FC BATE reached the group stage of the Champions League for the first time in its history, and the group was pretty damn cool. I visited the debut home game against Juventus at the crowded Dynamo Stadium in Minsk. At that time, I didn’t know anything about groundhopping, even this term, but I keep the chronology of my “leftists matches” from this moment. The first conscious match took place only in February 2016. Inspired by the articles (or reports, as we call them) from the website of the “Russian Team” of groundhoppers, we went to Tver with a colleague for the hockey winter classic. And then it began to spin round. So, the passion to visit stadiums appeared gradually.

Previously, I was an active Ultras Lokomotiv Moscow and went to support the team on away games, I liked to travel around the country. I always liked to communicate with local fans, find out their history of origin, how do they live, go through different stadiums in the city and find information when they were built. Lokomotiv plays in the Premier league and there are a lot of clubs that we can’t meet. I mean the low-leagues. However, such teams also have fans, with whom I am interested to meet and communicate. There are cool and beautiful stadiums with their own history. So, I started to go to football without the participation of the Lokomotiv.

How many countries have you visited in these years? How many football matches have you watched?
Not so long ago, I have collected the number of 100 matches visited in the framework of groundhopping. However, this figure is very relative. You know, in this hobby, everyone is their own master and everyone chooses their own rules for themselves. Someone counts in their asset stadiums visited for their club, others does not, there are also games of the national team. Someone thinks hockey games for groundhopping, some call it icehopping. Others does not count the stadium if he saw less than half of the event, someone counts. In England, some do not count a stadium if it does not have large stands, but just have a pitch or play not adults, but children. In our country, sometimes it is impossible to visit the stadium, unless it is a meeting of local youth football academy. So according to my rules of stadiums with matches I have 104.

In fact, I have not visited many countries, if you go back three years ago, then I have not been anywhere further than Belarus. Now I have been in the following countries: Czech Republic, Israel, Poland, Italy, Ukraine, Germany, Moldova, Estonia, Lithuania, Latvia, and Slovakia.

Which is the best football match that you’ve ever attended?
I think that in terms of the number of spectators, it was a match at the legendary San Siro Stadium, FC Milan hosted FC Lecce, 48,703 spectators came to see this match. I don’t really remember the match itself, because I prefer to watch the stands than what is happening on the pitch. To my great regret, there was a protest at the rossoneri stand, and therefore silence during the match

Which is the best stadium that you have visited? And the worst?
Each stadium is good in its own way, but if you ask me to allocate one, then let it be FOP “Izmailovo” – a stadium from the east of Moscow. It began to be built in the 30s of the last century and according to the plan was to become larger than the Olympiastadion in Berlin, but the Second World War made its own adjustments. It was completed only 30 years later, but according to a simplified plan, but no less beautiful. Around the perimeter of the pitch is decorated with artillery cannons, in the center of the stand a plane, under which is the entrance to the museum-bunker of Stalin.

It is played by a team from 4 leagues called SportAkademClub. By the way, I also brew beer myself and this stadium was depicted on the label of a beer bottle. I won’t be able to single out the worst stadium for sure. Most of all, I do not like stadiums without stands, usually some dull additional fields located next to the main arenas.

Are there any peculiarities about Belarusian and Russian football matches that you’d like to share?
Probably the biggest feature of football in Russia and Belarus is the lack of a football culture. This is the biggest problem. With the exception of big teams such as Spartak, Zenit, Lokomotiv, CSKA, the stands are very poorly filled, which is in principle justified. Not everywhere there are food courts, toilets, drink a pint of beer compare the feat. Separately, I will mention everyone’s “favorite” cops, in some cities, thanks to their attitude to you, you may think that you are a particularly evil criminal, and not a spectator at the stadium. So people choose to watch football at home on TV, and not suffer 90 minutes at the stadium.

You’ve also been to Italy. Did you watch a football game? What do you think about our country?
I have been to Italy twice. On our first visit we had en-route trip from north to south: Venice-Bologna-Florence-Rome-Naples-Pisa-Genoa-Milan. Initially, I planned to watch two matches, one in the lower leagues, and the second is the super match of Napoli – Lazio. If there were no problems with the first one, we watched the Puteolana – Frattese match in the suburbs of Naples, which ended with the victory of the hosts. That match, for which I was preparing for another month, found a person who was supposed to help me with the purchase of tickets. But, it turned out that this is a high-risk match tickets are sold on passports with a local residence permit. I had to settle for the pre-match atmosphere at the stadium.

The second time we went to Italy to support Lokomotiv in the away game against Juventus, which means I added Turin to the cities I visited. Also on that trip, we visited Como, attending the match of the local team of the same name against FC Pontedera at the Garibaldi Stadium. Plus, we watched the previously mentioned match in Milan.

The opinion about your country is very contradictory. On the one hand, there are many stunning places, both natural and architectural structures. Wonderful, sympathetic people with whom I communicated during my journey and continue to communicate to this day. The variety of cities that you can feel as you move from north to south. But on the other hand, the country is very dirty, a lot of inappropriate graffiti, garbage heaps. A disastrous number of refugees who do not feel safe in the evening. High crime rate, I remember we left at midnight from Naples to Pisa by bus and it was quite creepy to be in the station area at this time.

Which are your future projects as a groundhopper? And what are the best things that you have done so far?
For two years now, I have been keeping a video blog about the matches I have attended as part of groundhopping community. Every issue I try to tell about the city, the team and the fans from the place am staying at. This process is very exciting, so I’m not going to stop! Because of the covid-19 pandemic, we stayed at home for a long time, at this time I decided to brew beer at home and just recently have released my first beer on sale. I’m Going to work in this direction, to expand production, and maybe once you’ll be able to estimate beer from the brewery of Ivan Romantik in Italy.

Matteo Baltico
Amo il calcio e tutto ciò che concerne l'Est Europa, tanto che ho deciso di fondare questa pagina nel luglio del 2018. Amo parlare di questo tipo di calcio, ma adoro questo magnifico sport senza nè limiti e confini spaziando dal Laos sino a Cuba. Fin qua nulla di speciale, ma quanta gente conoscete che guarda il campionato kirghizo e tagiko? Ecco, ne avete trovato uno...
https://www.facebook.com/matteo.baltico.5?ref=bookmarks